Sporting Fish - Articoli per la pesca - Roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

25/07/2012 - Due su Due

Diario di Bordo

DUE SU DUE..................


MERCOLEDì  25 LUGLIO 2012, la tonnite ormai mi ha assalito si riparte per una nuova avventura, il giorno prima in negozio rifaccio i nodi ai wind on controllo i riferimenti, controllo la taratura delle frizioni, olio le carrucole e tutto è pronto. L’equipaggio oggi è formato da me,  dal mitico Piero, compagno  esperto in questo tipo di pesca (vi faccio una confidenza , non ho mai visto nessuno tirare i tonni come li tira lui) e da Massimiliano che non ha mai avuto una esperienza nella pesca al tonno, tanto è vero che la settimana scorsa voleva tentare il grande gioco da solo e lo persuasi a lasciar stare  perché avrebbe rischiato di farsi male. La monetina da 2 centesimi è nel portafoglio si può partire, Massimiliano si lamenta un pochino per l’appuntamento troppo mattiniero mà del resto se vuole partecipare alla battuta non può fare altro, Piero lo trovo sotto casa mia mezzora prima dell’appuntamento, la giornata si presenta confusa. Siamo in mare aperto ed il profumo che esala fa piacere respirarlo, ce un po’ di onda ma del resto le previsioni ci avevano avvertito che in primo mattino si sarebbe ballato un po’, i gabbiani girano su di noi con la  speranza di rimediare un pasto senza troppa fatica, le canne sono in pesca si attende mentre tra papponi e sarde singole si pastura. Alle 9 la canna posizionata a 35 metri parte, e l’unico a vedere in diretta la partenza è Piero che non distoglieva lo sguardo dai palloncini, mentre siamo intenti a prepararci per il combattimento Massimiliano si accorge di aver dimenticato renale e cintura a casa, l’inesperienza è anche questo, una veloce sistemata alle cinghie della mia, visto che la stazza è diversa  e Massimiliano è con il tonno in canna…………dopo la prima mezzora capisce che la dissuasione della settimana scorsa era ragionevole, Piero lo segue da vicino ed io al timone a contrastare le veloci fughe, il pesce ci fa consumare benzina per corrergli dietro e con la benzina anche le energie di Massimiliano che passa la mano a Piero, ora per il tonno i guai aumentano perché è capitato nelle mani sbagliate, Piero combatte il tonno con energia mentre io al timone tra virate a destra e sinistra sudo, per cercare di farglielo combattere nella maniera più agevole, il combattimento si protrae a lungo anche Piero suda che non accetta l’acqua che gli offriamo per idratarsi ma bensi chiede una sigaretta (forse era meglio l’ acqua) è ora di passar la mano, ora  è il mio turno il pesce ha ancora tante energie ha capito che l’unica salvezza è portarsi sull’elica del motore per tagliare, ci prova e ci riprova diverse volte mà l’abilità del capitano alla guida glielo impedisce fino a quando esamine è sotto la murata della barca. Devo dire che anche questo pesce ci ha fatto divertire e ha messo a dura prova sia l’attrezzatura, di elevata qualità ,sia la forsa fisica dell’equipaggio che si è dimostrato all’altezza della situazione con un pesce che alla pesa si dichiarava 89 kg. Ciao.


Torna ai contenuti | Torna al menu